News

Contraffazione dei farmaci: nessun vantaggio, seri rischi


26 luglio 2021

About Pharma e Corriere Salute riprendono il Webinar promosso da IBSA

A seguito del webinar sulla falsificazione dei farmaci, tenutosi il 23 luglio scorso, con il supporto incondizionato di IBSA, sono stati pubblicati due articoli rispettivamente su Corriere Salute e sul portale AboutPharma relativi alla contraffazione dei farmaci, sia brand che equivalenti.

I pericoli per gli utenti

Negli ultimi mesi, l’AIFA ha registrato un incremento delle segnalazioni riguardanti prodotti acquistati da fonti online non autorizzate, che si sono poi rivelati falsi o illegali. Secondo dati recenti, è emerso che la tendenza sempre più crescente di acquistare via web può nascondere inganni e pericoli, soprattutto quando si parla di farmaci contraffatti. Questi ultimi, infatti, non equivalgono mai in qualità, sicurezza ed efficacia ai loro corrispondenti originali, anzi, possono provocare effetti collaterali gravi o avere nessuna efficacia terapeutica; questo avviene perché contengono principi attivi o dosaggi diversi da quelli dichiarati o addirittura sostanze o eccipienti tossici per la salute.

I numeri in Italia

Oltre l’80% dei farmaci contraffatti riguarda la sfera endocrinologica-andrologica e ai primi posti si trovano quelli per la disfunzione erettile. Infatti, le principali categorie di farmaci coinvolte sono i sexual performer enhancers insieme a steroidi anabolizzanti, modulatori ormonali e sostanze stimolanti. Questo perché l’uso di queste tipologie di farmaci è soggetto a disagi socio-psicologici, quindi gli utenti decidono di acquistare in autonomia da canali non certificati. Anche i giovani rientrano nelle statistiche del fenomeno perché sono gli utenti con più difficoltà ad affrontare i problemi legati alla sfera della sessualità e a parlarne con il proprio medico, preferendo effettuare acquisti online di dubbia origine a rischio contraffazione.

Contrastare il fenomeno: la nascita della tecnologia ODF

Il film orodispersibile è una forma di dosaggio innovativa che potrebbe mettere un freno al fenomeno della falsificazione, proteggendo i pazienti dalle truffe e salvaguardandone la loro salute. La tecnologia ODF infatti, per poter essere prodotta, richiede un know-how poco diffuso e degli impianti ad alta tecnologia, che ne rendono la clonazione complessa.

I pazienti sono avvantaggiati per la modalità di assunzione, si scioglie in bocca senz’acqua, la confezione in singole dosi è comoda, pratica e discreta.

Il ruolo di medici e farmacisti è comunque fondamentale per dissuadere i pazienti da acquisti online, soprattutto perché la metà degli Italiani che cercano informazioni mediche sul web non si accerta della veridicità delle fonti e può incorrere nelle fake news o indicazioni mediche errate. La formazione, anche a medici e farmacisti, gioca un ruolo molto importante per contrastare il fenomeno della falsificazione.

Articolo AboutPharma 

Articolo Corriere Salute

articolo-format_social.jpg

Condividi sui tuoi canali social